Crea sito

La filosofia dell’ Hi Sureba Hana ed Adachi

Commuovere e toccare lo spettatore con l’inespresso

Zeami Motokiyo, fondatore dei canoni artistici del Teatro No, afferma che “dove c’è il segreto nasce il fiore” ossia per commuovere , per toccare lo spettatore non si deve dire tutto ma lasciare qualcosa in sospeso, inespresso. 

Adachi mantiene tale tradizione e la applica alla sue opere attuando scelte narrative efficaci su generazioni di ogni età rimanendo sempre attuale anche dopo anni, a differenza di letture ricche di spiegazioni e retoriche.

La rappresentazione di se stesso

Adachi compie intromissioni disegnando se stesso spesso al tavolo da lavoro, con visiera in testa, in ritardo con le consegne o intento a pubblicizzare qualche altro suo manga oppure introduce i suoi precedenti manga all’interno della storia per alleggerire il tono di lettura.

commuovere
Mitsuru Adachi rappresenta se stesso e si introduce nei suoi Manga

Questo è un escamotage che Adachi usa ricordarci che la realtà è un altra ed alla fine i suoi sono solo disegni, dal Koshien si passa alla scadenza della consegna ed il lettore viene catapultato fuori dalla storia,nel mondo reale.

Il Fan Service

Si tratta dell’attenzione che l’autore presta attenzione ad immagini o situazioni che non hanno peso reale sulla trama ma sono inserite nel contesto per soddisfare le richieste di in certo tipo di pubblico. Il Fan Service più diffuso è quello sessuale.

Adachi introduce spesso immagini slegate dal contesto con ragazze che si cambiano l’abito o che si tuffano in piscina, gonne svolazzanti o indumenti intimi in primo piano ma senza mai scendere nel volgare.

commuovere
 Touch, Vol.01 Pag.74

L’autore utilizza la chiave della sessualità per ribadire che, pur trattandosi di ragazzi, bravi,tenaci, dotati di talento, sono sempre normali adolescenti che non disdegnano le riviste porno,che fanno capolino in diverse scene dando luogo a scenette umoristiche.

Spesso troviamo il personaggio dell’amico un pò maniaco e fissato con le ragazze che non perde occasione per conquistarne qualcuna. Esempi in Hiatari Ryoko, H2 e Short Program.

Fonte: Mitsuru Adachi, l’espressione del quotidiano di Federica Lippi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *