Crea sito

Il cast della compagnia teatrale di Adachi

Adachi Gekidan, la compagnia teatrale Adachi

Adachi crea una vera e propria famiglia di personaggi, un cast cinematografico sempre uguale che recita in ogni opera, non hanno una psicologie marcate ma sono riconoscibili per i loro tratti e fisionomie. Queste sono  le peculiarità che hanno reso immortali le opere dell’autore.

castLa cultura di Adachi comprende la tradizione giapponese del Teatro No.

Usa modelli prestabiliti con ruoli predeterminati in modo che il lettore capisca il ruolo di ogni personaggio entrando immediatamente nella storia, una sorta di modelli prefabbricati su cui l’autore costruisce le sue storie, quello che può variare è la pettinatura o il taglio degli occhi.

Il gruppo di personaggi di Touch da uno studio preparatorio

Adachi sceglie di non usare simboli grafici per rappresentare stati d’animo ma mostra sentimenti ed emozioni universali tramite un cast di personaggi-maschere trasportando così nelle sue opere la bellezza del mistero del No.

Il protagonista

Tatsuya Uesugi di Touch

Liceale di statura corporea media, capelli corti, viso rotondo ed aria di indifferenza, all’apparenza fannullone, dal scarso rendimento scolastico, ama uscire con gli amici che diventano punto di appoggio nei momenti difficili.

Insicuro con le donne con le quali preferisce farsi da parte dichiarandosi sconfitto in partenza dal suo rivale, non esprime i sentimenti a parole ma con i fatti dando tutto se stesso per realizzare il sogno della ragazza che ama o di saperla proteggere.

In realtà nasconde un animo generoso pronto al sacrificio e dedizione verso scopi che si prefigge, la sua indole introversa lo porta ad essere frainteso.

L’eroina

Ha subito un evoluzione nel corso delle opere. Nelle storie giovanili fino a Nine ha capelli lunghi neri,timida,seria,tranquilla, donna di casa mentre con Hiatari Ryoko ha capelli corti, esuberante e decisa ed ancora in Miyuki compaiono entrambe le tipologie descritte.

Con Touch l’eroina racchiude in se tutte le caratteristiche migliori dei due tipi precedenti personificando la donna perfetta.

Minami Asakura di Touch

Bella, intelligente femminile, dal fisico asciutto e scattante, Minami è la classica amica d’infanzia e perfetta donna di casa, manager del club di baseball e stella della ginnastica ritmica. Sà il fatto suo e si mette su un piano paritario con gli uomini, ha fiducia in se, modesta e gentile,sempre pronta a dare una mano.

Minami ha un atteggiamento materno nei confronti di Tatsuya, lo vizia, gli prepara la cena, gli fa copiare i compiti, si occupa di lui come fosse una fratellino o figlio. Si dimostra essere un ottima moglie che svolge,senza fatica, qualunque mansione.

In Rough l’eroina rappresenta il secondo tipo di donna ma svincolata da legami affettivi con l’eroe, non è tenuta ad occuparsi di lui, l’uguaglianza uomo/donna è totale. E’ rispettata dai ragazzi come essere umano, è amica con chi ha rifiutato e tratta tutti alla pari, è una buona amica prima che una donna da conquistare.

In H2 i ruoli si invertono, l’eroina tratta il protagonista come un fratello da proteggere ma, inizialmente, non è innamorata di lui, ha già un fidanzato con il quale, alla fine, sceglie di stare.

In Cross Game le figure femminili sono quattro ed ognuna rappresenta una diversa sfaccettatura dell’universo femminile di Adachi le cui eroine sono cambiate com’è cambiata la società giapponese e l’immagine della donna dei sogni.

Il rivale

Ragazzo più bello del protagonista, suo rivale in amore e nello sport con la chioma fluente e a volte più grande di età del protagonista. Tra i due c’è un rapporto di rispetto e stima reciproca e questo li sprona a dare il massimo.

Akio Nitta di Touch

A volte il rivale è il fidanzato ufficiale dell’eroina o un amico d’infanzia al quale è legata, esempi sono Hiatari Ryoko, Rough ed H2.

In Touch più che con il rivale ufficiale Akio Nitta, Tatsuya è in competizione con il defunto gemello la cui memoria deve superare per portare la squadra al Koshien e realizzare il sogno di Kazuya. Il sentimento che muove il protagonista è duplice, da una parte la volontà di andare avanti per onorare il ricordo del fratello mantenendolo vivo, dall’altra il bisogno di “sconfiggerlo” per dimostrare di essere degno della vittoria e dell’amore di Minami.

L’amico ciccione

club
Kotaro Matsudaira di Touch

Spesso un pò sovrappeso, dal naso a patata, leale, scaramantico,determinato,allegro,timido con le ragazze, sdrammatizza situazioni pesanti, ostinato difficilmente si scoraggia di fronte alle difficoltà, adora mangiare e gioca in squadra con il protagonista e spesso, come in Touch, è il ricevitore della squadra di baseball.

 

I due formano la “batteria” coppia lanciatore/ricevitore,molto affiatati e legati da una grande amicizia. Kotaro è il migliore amico di Kazuya e rimane sconvolto alla sua morte, inizialmente ostile nei confronti di Tatsuya, poco a poco, costruirà con lui un solido rapporto.

Una “spalla” del genere serve da sprone nei confronti del protagonista che con le sue insicurezza ha bisogno di punti di riferimento forti.

I genitori

Adachi dedica particolare cura e caratterizzazione agli adulti, figure di secondo piano ma che incidono in maniera considerevole sulle vicende dei protagonisti.

club
Shingo ed Haruko Uesugi e Toshio Asakura di Touch

Nelle prime serie uno dei due genitori o entrambi, come in Miyuki, sono assenti o venuti a mancare nel corso della storia o prima che inizi. Spesso l’autore elimina la figura materna come in Touch, Jimbe, Arcobaleno di Spezie,H2, KATSU! e Cross Game.

La coppia di genitori tipo è composta da un padre frivolo e fanfarone ed una madre dolce e semplice. Il padre di Tatsuya e Kazuya non fa altro che bere con gli amici per festeggiare le vittorie sportive del figlio e prendere ferie dal lavoro per tutto il periodo del torneo di baseball.

Il gruppo di amici

Intorno ai protagonisti dei manga c’è sempre un nutrito gruppo di amici, compagni di scuola, di squadra, amici d’infanzia. I rapporti si stringono man mano che la storia prosegue.

Shouhei Harada ed Isami Nishimura di Touch

I tipi caratteristici ricorrenti sono il ragazzo alto dai lineamenti marcati, che sembra burbero e scontroso ma nasconde un cuore d’oro, come il pugile Harada in Touch ed il bel capellone donnaiolo spensierato ed innamorato della protagonista.

 

 

Il Cane Panchi

Panchi di Touch

Della cast dei protagonisti fa parte anche il cane Panchi (traslitterazione fonetica della parola inglese punch, pugno) presente in Touch ed H2. Il cane è un batuffolone bianco, vivace ed affezionato a Tatsuya (pur essendo ufficialmente il cane di Minami) ed a metà serie metterà su famiglia comparendo con due cuccioli simili a lui.

In Rough, invece, quando il protagonista va a far visita ai genitori, compare un cane dall’aspetto diverso da Panchi ma forse con lo stesso nome; in KATSU! protagonista è una cane di nome Punch ma è un boxer.

Gli animali domestici sono ricorrenti nei manga di Adachi nei quali si incontrano spesso anche dei gatti come in Hiatari Ryoko, Misora per Sempre e Cross Game.

Fonte: Mitsuru Adachi, l’espressione del quotidiano di Federica Lippi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *